Il progetto EcoLife (Ecological Lifestyles for CO2 Reduction) è partito il 1 ottobre 2013 e terminerà a settembre 2016 ed è cofinanziato dalla commissione europea nell’ambito del programma LIFE+ informazione e comunicazione e realizzato con la partecipazione di Legambiente (capofila del progetto), AzzeroCO2, Deep Blue, ACLI ed MDC.
Le temperature del Pianeta sono tra le più alte mai registrate e negli ultimi decenni le variazioni di temperatura sono diventate estremamente rapide soprattutto a causa delle attività antropiche che liberano in atmosfera gas ad effetto serra. EcoLife vuole rendere i cittadini più consapevoli del loro ruolo e dell’effetto che possono avere le scelte che compiono ogni giorno; verranno proposti nuovi stili di vita più rispettosi dell’ambiente ed economicamente sostenibili che contribuiscano a ridurre le emissioni climalteranti.

Obiettivi

Il progetto mira a sfruttare l’esperienza dei partner per sviluppare una nuova campagna di comunicazione sui cambiamenti climatici e raggiungere i seguenti obiettivi:

  1. migliorare la sensibilità dei cittadini italiani sui temi del cambiamento climatico
  2. aumentare la consapevolezza e la sensibilità sui cambiamenti climatici dei tre target principali del progetto : giovani coppie, neo-pensionati e collaboratori domestici.
  3. ottenere un’effettiva riduzione di CO2 emessa grazie a stili di vita più sostenibili dei cittadini target del progetto
  4. aumentare l’efficacia della metodologia comunicativa elaborata proponendola anche a partner ed operatori della comunicazione ambientale esterni al progetto.

Risultati attesi

  • creazione di 30 centri informativi distribuiti su tutto il territorio italiano
  • realizzazione di una mostra itinerante sui cambiamenti climatici e le azioni per contrastarlo
  • creazione di un gioco per la sensibilizzazione diffusione delle buone pratiche
  • realizzazione di un simulatore delle emissioni di CO2 evitate e del risparmio economico connesso
  • creazione di comunità di cittadini che applichino e diffondano le buone pratiche proposte
Condividi