Pubblicato il  23 settembre 2019

L’anno scolastico 2019/2020 è iniziato, ma gli edifici dove ogni giorno i nostri figli trascorrono la maggior parte del loro tempo, sono veramente sicuri?

 

Edifici obsoleti e poche verifiche

Gli edifici scolastici in Italia sono 42.408 ed aggregano oltre 8 milioni di studenti, ma molte di queste strutture, circa il 55.6%, sono state costruite prima degli anni ’70, quando ancora non erano entrati in vigore i provvedimenti in materia di sicurezza sismica.

Sulla base degli ultimi dati resi noti da Legambiente nel dossier “Ecosistema Scuola”, il 40% degli edifici scolastici necessita di interventi di manutenzione straordinaria e urgente. Come se non bastasse, nell’80% dei casi non sono state mai realizzate indagini per verificare la sicurezza dei solai, oltre il 60% degli istituti non dispone del certificato di agibilità e più del 76% delle amministrazioni non ha effettuato o non ha completato le verifiche di vulnerabilità sismica necessarie in gran parte del nostro paese.

Qualcosa però è stato fatto per rendere più sicure le nostre scuole. Dal 2014 al 2017 lo Stato italiano ha effettuato investimenti per oltre 10 miliardi di euro, e in questo piano di ristrutturazione degli edifici scolastici, un contributo innovativo è arrivato dall’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

 

Valutare, programmare e gestire la riqualificazione. L’applicazione Safeschool 4.0

Nell’ambito della Campagna Italia in Classe A, la prima campagna nazionale di informazione e formazione sull’efficienza energetica, ENEA ha sviluppato una app per tablet e smartphone, SafeSchool 4.0, in grado di supportare i tecnici e i responsabili nei rilievi energetici e strutturali degli edifici scolastici per valutarne la vulnerabilità e programmare e gestire in modo più economico e sostenibile gli interventi di riqualificazione e manutenzione.

Questa app, scaricabile gratuitamente, aiuta a fare una diagnosi dell’edificio misurando i consumi energetici e valutandone le caratteristiche strutturali. Uno strumento che guida i tecnici nella raccolta dei dati indispensabili all’analisi delle criticità al fine di una prima valutazione degli interventi di messa in sicurezza, riqualificazione ed efficientamento energetico. Grazie a Safeschool 4.0 si produce il report del rilievo, viene rilevata la classe energetica di merito, il livello di intervento strutturale e viene indicata la priorità d’intervento.

Non tutti però posso utilizzare quest’applicazione. Essendo pensata per i “gli esperti del settore”, il suo utilizzo è consentito esclusivamente a tecnici abilitati (periti, geometri, architetti ed ingegneri) che operano nel settore dell’edilizia scolastica, con particolare specializzazione sugli aspetti strutturali ed impiantistici. Inoltre, è stato previsto che in mancanza di dati o di informazioni specialistiche non sia possibile ottenere risultati.

Safeschool 4.0 è uno strumento importante per i tecnici, che aiuta a velocizzare la fase di prima valutazione energetica e strutturale dell’edificio ma che, come sottolineato dall’ENEA, non può prescindere da ulteriori analisi o strumenti informatici di calcolo per essere eseguita in modo completo.

 

Approfondisci sul sito dell’ENEA

Condividi