GREEN WAY è il percorso dedicato ad aziende ed enti pubblici che consente di gestire in maniera più efficiente le proprie risorse, compensare le emissioni di CO2 residue e comunicare in modo trasparente gli obiettivi raggiunti.

Il percorso è definito in base alle esigenze specifiche del cliente e creato su misura. Si può articolare in quattro fasi distinte, costituite da attività e interventi mirati, e porta ad una diminuzione graduale dei consumi con conseguente miglioramento della performance energetica.  

 

 

1. Consulenza e pianificazione

Analisi dell’edificio e degli impianti dal punto di vista energetico per tagliare il costo dell’energia e potenziare la sostenibilità della struttura.

  • Audit energetico
  • Energy Management
  • Pianificazione strategica interventi
  • Studi di fattibilità
  • Carbon Footprint

2. Realizzazione impianti

Interventi di efficienza energetica e realizzazione di impianti FER chiavi in mano per tagliare i consumi energetici e le emissioni di CO2.

  • Impianti FER
  • Cogenerazione alto rendimento
  • Ottimizzazione impianti di produzione

3. Compensazione

Compensazione delle emissioni di CO2 residue attraverso l’acquisto di crediti sul mercato volontario.

  • Progetti di forestazione in Italia
  • Progetti che sviluppano fonti rinnovabili in Italia e all’estero

4. Comunicazione green

Supporto nella gestione della comunicazione ambientale delle attività del cliente per trasmettere in modo trasparente la sua performance sostenibile.

  • Strategia di green marketing
  • Riposizionamento del brand verso mercato attento all’ambiente

 

Opportunità 

All’interno del percorso vengono studiate periodicamente opportunità ad hoc rivolte alle aziende e agli enti locali.

AzzeroCO2 finanzia le PMI italiane con un plafond di 500.000 € per eseguire studi di fattibilità e analisi energetiche per il miglioramento delle prestazioni aziendali e la riduzione dei consumi.

Chi può partecipare
Possono partecipare le Piccole Medie Imprese, come definite dal D.Lgs 18 aprile 2005 (GU n. 238 del 12-10-2005), con sede in Italia e le controllate e collegate di grandi aziende con sedi operative nel territorio nazionale.

Come Partecipare
Candidarsi per partecipare al progetto è semplice e gratuito, compilando il modulo di adesione.

Perché scegliere AzzeroCO2
AzzeroCO2, grazie ai suoi partner tecnologici, mette a disposizione delle Aziende le migliori soluzioni impiantistiche presenti sul mercato, finanzia direttamente gli interventi facendosi carico del rischio di rendimento e mette a disposizione delle aziende finanziabili un milione di euro l’anno per tre anni.

I passaggi in caso di finanziamento dello studio di fattibilità
  • Compilazione del modulo di adesione da parte dell’azienda interessata
  • Valutazione dei dati ricevuti da parte di AzzeroCO2 e contatto con l’azienda
  • Esito positivo – Appuntamento in azienda per sopralluogo tecnico-commerciale di AzzeroCO2
  • Dopo il sopralluogo viene inviato lo studio di fattibilità, o analisi energetica all’azienda, che ottiene gratuitamente uno studio approfondito sui suoi consumi e sulle possibilità di risparmio
  • Esito negativo – Appuntamento in azienda per eventuali opportunità ad hoc

Fondo Kyoto. AzzeroCO2 supporta le amministrazioni pubbliche per ottenere i finanziamenti destinati alla riqualificazione energetica degli edifici scolastici.

Il Fondo Kyoto 4 pubblicato il 22 febbraio 2016 (estensione dei termini del Fondo Kyoto 3 attuato con Decreto interministeriale n. 66, pubblicato sulla G.U. Serie Generale n. 109 del 13 maggio 2015) individua e disciplina i criteri e le modalità di concessione di finanziamenti finalizzati all'efficientamento energetico degli immobili pubblici scolastici.

Il Conto termico introduce, per i Comuni, incentivi pari al 40-60% dei costi eligibili per interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Il contributo è erogato nell’esercizio finanziario successivo a quello dell’intervento. Gli interventi sugli edifici scolastici potranno esser finanziati dal Fondo Kyoto nella misura del 100% in deroga ai vincoli di finanza pubblica attraverso la concessione di appositi spazi finanziari.

I finanziamenti agevolati, a valere sulle risorse del “Fondo rotativo di Kyoto” di 350 milioni di euro, sono destinati a progetti di riqualificazione energetica degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, dagli asili nido alle università, che potranno beneficiare di prestiti erogati al tasso agevolato dello 0,25% a valere sulle risorse del Fondo Rotativo di Kyoto, per interventi che permettano di raggiungere un miglioramento di almeno due classi del parametro di efficienza energetica dell’edificio.

Sono state presentate domande solo per 110 milioni, pertanto, il Fondo Kyoto è stato riaperto fino a giugno 2018 per consentire la spesa delle risorse inutilizzate, in base al decreto 22 febbraio 2016 che disciplina la riprogrammazione delle risorse finanziarie residue, dando l’opportunità agli enti locali di usufruire dei restanti 250 milioni di euro. Le risorse disponibili saranno assegnate sulla base dell’ordine cronologico di ricezione delle istanze, previo verifica della corretta compilazione e delle completezza documentale delle stesse.

Fasi

  1. Individuazione degli edifici scolastici oggetto dell’intervento
  2. Delibera giunta comunale avvio del percorso
  3. Preparazione della documentazione per Fondo Kyoto 4 (Diagnosi, APE e Progetto preliminare)
  4. Presentazione accesso al Fondo Kyoto 4 (domanda al Ministero e alla Cassa Depositi e Prestiti)
  5. Pubblicazione Rdo (MEPA) per selezione fornitore
  6. Prenotazione incentivi Conto Termico
  7. Aggiudicazione provvisoria all’appaltatore (MEPA)
  8. Comunicazione ottenimento finanziamento Fondo Kyoto 4
  9. Aggiudicazione definitiva all’appaltatore (MEPA)

Contattaci per sapere come possiamo accompagnare l’ente locale in tutte le fasi richieste dal Fondo per ottenere i finanziamenti.

 

 

 

Condividi