Pubblicato il  30 Dicembre 2014

Lo studio redatto da AzzeroCO2 con la collaborazione dell’Istituto italiano del vino di qualità Grandi Marchi fornisce una panoramica sul settore vitivinicolo italiano in materia di responsabilità sociale, sostenibilità e buone pratiche.

La ricerca ha analizzato come le 86 principali cantine italiane per fatturato comunicano sul web le attività relative alla RSI basando l’indagine sulle 7 macro aree individuate dalle ISO 26000: governo dell’organizzazione (governance); diritti umani; rapporti e condizioni di lavoro; ambiente; corrette prassi gestionali; aspetti specifici relativi ai consumatori; coinvolgimento e sviluppo della comunità. Da un lato emerge che in vigna la parola “responsabilità sociale” è letta soprattutto in ottica ambientale mentre sono numerose, ma non comunicate direttamente, le azioni relative ai dipendenti e quelle a favore della comunità di appartenenza. Il 35% del totale delle azioni implementate sono infatti a favore di progetti di viticultura più sostenibile, a fronte di un 25% di progetti di ricerca in partnership con le università e un 25% di azioni legate ad attività sociali (formazione ai dipendenti, volontariato, cura del territorio, iniziative culturali).

La redazione di Bilanci di Sostenibilità potrebbe risolvere alcuni gap di comunicazione rilevati, supportare le aziende vitivinicole a livello gestionale, rafforzare il brand dal punto di vista reputazionale e, su determinati mercati, garantirgli un vantaggio competitivo.

Scarica lo studio in pdf

Per maggiori informazioni scrivere a:
luna.ronchi@azzeroco2.it

Condividi