Pubblicato il  16 Giugno 2020

Grazie al contributo in conto termico i comuni possono recuperare circa il 50% dell’investimento totale per la riqualificazione energetica delle proprie strutture pubbliche.

Dal 2016 il conto termico 2.0 è diventato uno strumento efficace per sostenere le pubbliche amministrazioni nella transizione energetica delle proprie strutture: ridurre il costo dell’investimento iniziale e/o generare risorse nella fase di operatività degli interventi, in un’ottica di riqualificazione sostenibile delle strutture è un imperativo per tutti quei soggetti che non dispongono di risorse economiche adeguate.

Abbiamo accompagnato alcuni comuni in questo percorso virtuoso seguendo la preparazione dei documenti necessari per la richiesta del contributo in conto termico e in alcuni casi progettando e realizzando anche gli interventi di riqualificazione.

Interventi realizzati

Comune di Serra Sant’abbondio
Scuola “Luigi Marra”

Abbiamo eseguito la pratica di ottenimento per il Conto Termico relativamente all’intervento di sostituzione dell’impianto di riscaldamento tradizionale con una caldaia a condensazione per il riscaldamento dell’edificio scolastico, e con una pompa di calore per il riscaldamento della palestra.

Intervento

Sostituzione di una caldaia a metano da 384 kW con una caldaia a condensazione da 150,9 kW e una pompa di calore aria/aria con due unità esterne da 45 e 50 kW termici in riscaldamento (usata anche in raffrescamento).

Contributo Conto Termico

38.955 €

Risparmio sui consumi

2.750 €/anno

Emissioni di CO2 evitate

13.650 kg CO2/anno

Classe Energetica Ante

E

Classe Energetica Post

C

Comune di Frontone
Scuola secondaria di 1° grado

Abbiamo eseguito la pratica di ottenimento per il Conto Termico relativamente all’intervento di sostituzione di alcuni moduli condensanti con pompa di calore per il riscaldamento della palestra.

Intervento

Sostituzione di due moduli da 60 kW di una caldaia a condensazione con una pompa di calore aria/aria con due unità esterne, entrambe da 37,5 kW termici in riscaldamento.

Contributo Conto Termico

25.155 €

Risparmio sui consumi

890 €/anno

Emissioni di CO2 evitate

6.586 kgCO2/anno

Classe Energetica Ante

E

Classe Energetica Post

C

Comune di Cardito
Scuole Don Bosco e G.galilei

Abbiamo eseguito la pratica di ottenimento del Conto Termico relativamente alla sostituzione della caldaia a metano con una pompa di calore elettrica su due scuole, la Don Bosco e la Galileo Galilei. Inoltre abbiamo realizzato il relamping con lampade a led e progettato e realizzato due impianti fotovoltaici, rispettivamente da 40 kW per la scuola Don Bosco e da 60kW per la scuola Galilei.

Don Bosco

Intervento

Sostituzione della caldaia con una pompa di calore elettrica da 300 kW termici

Contributo Conto Termico (solo Pdc)

48.500€.

Risparmio sui consumi

2.402 €/anno

Emissioni di CO2 evitate

19.879 kgCO2/anno

Classe Energetica Ante

E

Classe Energetica Post (concorre anche FV e LED)

A

G.Galilei

Intervento

Sostituzione della caldaia con una pompa di calore elettrica da 257 kW termici

Contributo Conto Termico (solo Pdc)

55.300€

Risparmio sui consumi

8.666 €/anno

Emissioni di CO2 evitate

38.127 kgCO2/anno

Classe Energetica Ante

E

Classe Energetica Post (concorre anche FV e LED)

A

In tutti questi casi è stato possibile ottenere un evidente salto di classe energetica, che andrà ad influire positivamente sulle strutture in termini di risparmio energetico e di valorizzazione degli immobili.

Le opportunità offerte dal Conto termico sono innumerevoli e valgono in misura diversa per aziende e enti pubblici: consapevoli del potenziale di risparmio energetico del patrimonio immobiliare in Italia, cerchiamo di offrire supporto ai nostri clienti per la valutazione degli interventi di riqualificazione energetica, attraverso la formula del finanziamento tramite terzi e la ricerca e attivazione degli strumenti di incentivazione e finanziamento disponibili (es. bandi statali e regionali, conto termico, certificati bianchi, ecc.).

Condividi