#content solution iubenda
Richiedi informazioni

Carbon management: misurazione e monitoraggio delle emissioni

Le politiche europee di decarbonizzazione stanno spingendo un numero crescente di aziende a valutare i propri impatti ambientali adottando un approccio globale, che consideri non solo le attività direttamente controllate dall’impresa ma anche tutto ciò che a sta a monte e a valle della catena del valore.

Che cosa significa? Significa prendere in considerazione l’intero ciclo di vita delle attività aziendali includendo anche quei processi che non sono direttamente svolti dall’azienda.


La nuova ISO 14064

Anche la normativa di riferimento si è orientata verso la cosiddetta “Prospettiva del ciclo di vita”, introdotta inizialmente con la ISO 14001 approccio metodologico che richiede alle aziende di valutare gli impatti lungo tutta la filiera produttiva. Da gennaio 2022 è inoltre entrata definitivamente in vigore la nuova versione della ISO 14064, norma che definisce i principi e le regole per la realizzazione dell’inventario delle emissioni di gas climalteranti di un’organizzazione.
Rispetto alla versione precedente, viene resa obbligatoria la valutazione di 6 categorie emissive:
 
  1. Dirette
  2. Indirette da energia importata
  3. Indirette da trasporti
  4. Indirette da prodotti utilizzati dall’organizzazione
  5. Indirette associate all’uso dei prodotti realizzati dall’organizzazione
  6. Indirette da altre sorgenti

o l’esclusione di alcune di esse solo a seguito di una opportuna analisi di significatività.

Esempio di dashboard con il monitoraggio delle emissioni ripartite per categoria, dove si evince l'andamento delle emissioni rispetto all'anno di riferimento.

 

Realizzare una Carbon footprint secondo la ISO 14064

Numerosi sono i benefici per un’azienda che realizza e certifica una Carbon Footprint di Organizzazione secondo la ISO 14064:
  • Rafforzamento della brand identity, in quanto l’impatto aziendale viene misurato con un metodo scientifico e internazionalmente riconosciuto, evitando così di incorrere nel greenwashing;
  • Identificazione dei rischi e delle opportunità correlati al cambiamento climatico (es. premialità nelle gare di appalti pubblici ecc.)
  • Integrazione della sostenibilità ambientale nelle decisioni strategiche
  • Definizione di un piano di carbon management evidenziando le principali sorgenti emissive dell’organizzazione
  • Identificazione degli interventi da implementare per la riduzione delle emissioni e dei costi
  • Ottimizzazione delle attività correlate al business analizzato.
La Carbon Footprint è un calcolo effettuato per uno specifico anno di riferimento e, pertanto, dovrà essere aggiornata periodicamente: il monitoraggio nel tempo dell’impronta carbonica consente di verificare la corretta integrazione delle soluzioni previste nel piano di riduzione definito dall’azienda.

Insieme al calcolo assoluto delle emissioni, possono essere definiti degli indicatori di performance (KPI) per seguire il profilo delle emissioni rapportate a parametri rilevanti per l’organizzazione (fatturato, produzione ecc.) in modo da confrontare il livello delle emissioni con la conduzione del business. Questi indicatori sono fondamentali per tenere traccia degli obiettivi di riduzione delle emissioni da raggiungere nel breve e medio periodo.
 

I dati: meglio digitali e organizzati

Per questa ragione, la digitalizzazione dei dati primari da raccogliere e la modalità con cui questi sono conservati giocano un ruolo cruciale. Il volume di elementi da analizzare è infatti rilevante: basti pensare alla rendicontazione delle emissioni correlate alla logistica in ingresso e in uscita per comprendere che la mole di informazioni da gestire è elevata. Risulta fondamentale, per esempio, realizzare un’appropriata architettura del gestionale degli acquisti in modo da garantire accuratezza, completezza e trasparenza delle informazioni elaborate.

Per rendere fluida la raccolta e l’elaborazione dei dati, è necessario che l’azienda sia supportata da personale esperto nella comprensione dei dati rilevanti per il calcolo della Carbon Footprint e nell’implementazione dei corretti strumenti di raccolta delle informazioni utili.

AzzeroCO2 ha sviluppato un’esperienza più che decennale nell’ambito della sostenibilità ambientale e aiuta le aziende che vogliono ridurre il proprio impatto sull’ambiente a sviluppare tool realizzati su misura per calcolare e monitorare l’andamento delle emissioni di anidride carbonica nel tempo, suggerendo le soluzioni migliori da implementare.

 

-------------


Andrea Maizzi
Consulente sostenibilità ed energia AzzeroCO2


Certificato di compensazione

Inserisci negli appositi campi il codice che hai trovato sul marchio per visualizzare i dettagli della compensazione e scaricare il certificato.