Richiedi informazioni

Gli ortofrutteti solidali: un progetto che fa bene alla natura e alle persone

Tramite il nuovo progetto Ortofrutteto solidale AzzeroCO2 dà la possibilità a privati ed aziende di contribuire alla realizzazione di progetti dall’alto valore ambientale e sociale in collaborazione con associazioni di volontariato e cooperative sociali aiutandole a rigenerare i loro terreni e promuovere la biodiversità dei territori.

 

In AzzeroCO2, ci occupiamo di riqualificazione territoriale da quasi vent’anni. Tramite Mosaico Verde, il nostro progetto di forestazione avviato insieme a Legambiente, abbiamo messo a dimora quasi 300mila alberi solo negli ultimi 3 anni. I nostri progetti sono realizzati grazie all’impegno di aziende sponsor, e i beneficiari sono sempre gli enti locali (parchi pubblici, enti parco, aree verdi urbane).

 

Ci siamo accorti in questi anni che l’unione fa la forza: la sinergia tra soggetti diversi a beneficio del territorio dà veramente buoni frutti. Per questo, con l’ortofrutteto solidale, abbiamo pensato che coinvolgere anche i singoli nella realizzazione degli ortofrutteti fosse un’idea vincente. Ciascuno, infatti, può dare un contributo anche minimo versando “una goccia” per il progetto.

 

“Questo nuovo progetto scaturisce dalla volontà di migliorare e innovare le nostre attività, coniugando adesso l’aspetto ambientale con una componente sociale e solidale grazie al coinvolgimento di realtà sociali che mettono a disposizione i terreni dove nasceranno i gli ortofrutteti”, descrive così il progetto Alessandro Martella, Direttore Commerciale di AzzeroCO2.

 

I progetti realizzati

 

Nel 2020, sono già stati realizzati due progetti in Sicilia grazie al supporto di Procter&Gamble. Il frutteto di Modica è stato realizzato presso la Fattoria Sociale e Didattica “Don Tonino Bello”, una realtà gestita dalla Cooperativa Sociale Alberto Portogallo che si occupa di offrire supporto alle persone svantaggiate o con disabilità attraverso attività formative, ricreative e occupazionali. Il progetto di Catania, invece, è stato realizzato presso l’Azienda Agricola Ciuti, del Consorzio Siciliano Le Galline Felici, che lavora con soggetti marginalizzati come ex detenuti e migranti per sostenere il loro reintegro nella società.

 

Il progetto Salv’Asprinio

 

Il progetto attualmente attivo è situato in Campania e prevede il recupero di circa 3.500 mq di vigneto di cui 2.000 mq con la tipica coltura ad Alberata nei terreni intorno al Casale di Teverolaccio a Succivo, una Masseria fortificata del ‘700 oggetto di azione di recupero da parte di Legambiente. La varietà di vitigno utilizzata sarà l’Asprinio, un vitigno che ha caratterizzato la piana casertana sin dai tempi degli etruschi.

 

Il progetto è gestito insieme a TerraFelix, una cooperativa sociale che si occupa di recuperare terreni sottratti alla camorra e che negli ultimi anni si è occupata di recuperare vigneti abbandonati attraverso l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

 

Ogni azienda può fare la sua parte

 

Ogni azienda può realizzare il proprio frutteto personalizzato, identificando la regione ed il progetto di preferenza sulla base delle proprie specifiche necessità.

 

Per contattarci e scoprire come realizzare un progetto su misura visita il sito www.ortofruttetosolidale.it

 


    Certificato di compensazione

    Inserisci negli appositi campi il codice che hai trovato sul marchio per visualizzare i dettagli della compensazione e scaricare il certificato.