Richiedi informazioni

Valle dell’Agno, AzzeroCO2 redigerà il primo PAESC in Italia

24 Maggio, 2016

L’aggregazione di Comuni Valle dell’Agno è tra le prime in Italia ad aver avviato le attività per la redazione del PAESC, il nuovo Piano d’Azione per l’energia sostenibile e il Clima, presentato dalla Commissione europea il 15 ottobre 2015.

Il nuovo Patto dei Sindaci integrato per l’energia e il clima impegna i firmatari ad agire per raggiungere entro il 2030 l’obiettivo di ridurre del 40% le emissioni di gas serra e ad adottare un approccio congiunto all’integrazione di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. I Comuni che aderiscono adesso al Patto dei Sindaci, a fronte di un maggiore impegno per la riduzione delle emissioni, hanno due anni per redigere il Piano (uno in più rispetto al vecchio PAES) e devono presentare una valutazione dei rischi del cambiamento climatico e delle vulnerabilità, secondo quanto previsto dal precedente Mayors Adapt.

I Comuni della Valle dell’Agno, con il supporto tecnico dell’RTI formata dalle società AzzeroCO2, T-ZERO e Volo E. and C. , stanno raccogliendo i dati necessari per l’elaborazione dell’Inventario delle emissioni (IBE) e per lo studio delle vulnerabilità e dei rischi del territorio, finalizzati alla stesura definitiva del PAESC.

Sei i Comuni dell’aggregazione che è composta da Val d’Agno (Capofila), Recoaro Terme, Cornedo Vicentino, Brogliano, Castel Gomberto e Trissino.

Maggiori informazioni sul PAESC

 


Certificato di compensazione

Inserisci negli appositi campi il codice che hai trovato sul marchio per visualizzare i dettagli della compensazione e scaricare il certificato.