Richiedi informazioni

TABU | Audit di sostenibilità - LCA di prodotto

Abbiamo supportato TABU, eccellenza internazionale nella produzione di piallacci naturali tinti e multilaminari, in un percorso strutturato per integrare maggiormente la sostenibilità con l’innovazione. Grazie ad una approfondita audit interna, l’Azienda ha potuto mappare sia la sensibilità dei propri stakeholder sui temi tipici della sostenibilità, sia il posizionamento green dei suoi prodotti rispetto ai competitor.

VALUTAZIONE DI SOSTENIBILITÀ

Il percorso di Tabu è iniziato con una valutazione di sostenibilità, grazie alla quale è stato definito il suo posizionamento rispetto ai principali competitors nelle tematiche ESG (Environmental, Social & Governance).

 

Posizionamento TABU, aprile 2020

 

Con tale valutazione, Tabu ha interiorizzato il suo collocamento nei temi della sostenibilità, individuando le minacce e le opportunità che si presentano sul mercato dei piallacci in legno. Sono infatti stati assegnati dei punteggi in alcune aree tematiche come:

  • stakeholder engagement
  • approccio alla sostenibilità
  • catena di fornitura
  • collaboratori interni

e analizzate le best practices dei competitors in modo da fornire a Tabu una panoramica delle azioni ESG intraprese da aziende analoghe.

LCA DI PRODOTTO

Il secondo step del percorso aziendale ha previsto la realizzazione di uno studio LCA per la valutazione dei potenziali impatti ambientali di un piallaccio realizzato con piallacci scartati e invenduti, che nasce dalla voglia di promuovere un prodotto che risponda realmente ai principi dell’economia circolare. 

 

L’intarsio industriale Biodiversity, questo il nome, nasce dall’idea di valorizzare scarti e prodotti invenduti: l’impiego di materie prime “seconde” di 12 specie legnose diverse come input del processo produttivo sottolinea l’attenzione ai temi della circolarità e della sostenibilità.

La circolarità di Biodiversity si basa sulle seguenti caratteristiche:

  • “Design for Remanufacturing”, cioè il ripristino di un prodotto tale da avere caratteristiche prestazionali analoghe a quello di un prodotto nuovo
  • Utilizzo di materie prime seconde: l’utilizzo di materiali recuperati all’interno di altri processi produttivi interni
  • Valorizzazione degli scarti all’interno del processo produttivo

 

Lo studio è stato eseguito in conformità alle normative internazionali ISO 14040 (Environmental management – Life Cycle Assessment – Principles and framework) e ISO 14044 (Environmental management – Life Cycle Assessment – Requirements and guidelines), e questo consente di:

  • Incrementare la brand reputation aziendale
  • Richiamare l’attenzione dei clienti internazionali
  • Analizzare le fasi di realizzazione del prodotto per poter minimizzare gli impatti ambientali

 

OBIETTIVI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE SDGs

Il percorso di sostenibilità intrapreso, ha permesso a TABU non solo di integrare i temi ESG nella propria strategia aziendale, ma anche di contribuire alla sostenibilità del pianeta agendo su alcuni degli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile (SDGs) fissati dalle Nazioni Unite al 2030, come il numero 9 (industria, innovazione e infrastrutture), il 12 (consumo e produzione responsabili) e il 13 (agire per il clima).

 

SCOPRI DI PIÙ SULLA SOSTENIBILITÀ DI TABU

 


Certificato di compensazione

Inserisci negli appositi campi il codice che hai trovato sul marchio per visualizzare i dettagli della compensazione e scaricare il certificato.